Sabato 12 maggio 2018

Inizio ore 22

GABRIEL DELTA BAND

17492648_1330103193739348_543849408779188641_o

 Gabriel Delta: chitarra e voce
Daniele Mignone: basso e cori
Luca Serrapiglio: saxofoni e cori
Daniele Porcu; batteria e cori

Chitarrista, cantante, compositore e bandleader, Gabriel Delta è stato sedotto dal blues di B.B. King durante la sua gioventù a Buenos Aires.
Nel 1988 è emerso nella competitiva scena musicale argentina grazie a un’attenta alchimia sonora che fondeva elementi del blues chitarristico del periodo d’oro (oltre a B.B., maestri gli furono i due altri sovrani dello strumento, Albert e Freddie King) con l’inventiva del be-bop e l’espressionismo funky e rhythm & blues.
Tuttavia, Gabriel non ha mai tradito le sue radici latine, alternando nelle canzoni l’uso dell’inglese a quello della madrelingua e integrando nel repertorio i panorami musicali di Memphis e Chicago con quelli pop e folk della sua terra.
La formula, sperimentata con successo in America Latina, si rivelerà vincente anche nella nuova fase della sua carriera.
Trasferitosi in Italia nel 2003, diviene protagonista e cittadino in Europa con il gruppo Gabriel Delta & The Hurricanes.
Durante la sua carriera bicontinentale, estesa anche al Nord America , Gabriel Delta ha condiviso palcoscenici, session, e festival con i massimi esponenti del blues contemporaneo, compresi B.B. King, James Cotton, Eugene “Hideaway” Bridges, Taj Mahal, Roy Rogers, Melvin Taylor, Larry Mc Cray, la Blues Brothers Band, Watermelon Slim e tanti altri.
Musicista esperto e versatile, Gabriel Delta conosce bene le dinamiche del blues elettrico ma dà il suo meglio anche in episodi “roots”, più sommessi e scevri di amplificazione, come dimostra nell’album acustico “Roots” del 2005, e “Kusiwan” del 2007 registrato a Vercelli e masterizzato a Buenos Aires.
Nella lingua delle popolazioni quechua, native di Argentina, “Kusiwan” è l’invito a vivere la vita con allegria e determinazione in ogni circostanza; un atteggiamento filosoficamente bluesy che ben si adatta alla personalità del musicista, anche quando sceglie di esprimersi al di là della familiare struttura delle dodici misure.
In brani inventivi e originali che hanno ormai raggiunto lo status di blues standard, Gabriel Delta dichiara di appartenere a un mondo musicale ormai condiviso, in cui la globalizzazione non è necessariamente sinonimo di conformismo.
“Only With My Soul” è la sua personale, sincera dichiarazione d’amore al blues: il cantante confessa di essere nato molto più a sud del Mississippi, ma rivela (e potrebbe farlo anche senza parole) che le credenziali per suonare come suona stanno nella sua anima.

Edoardo Fassio