Tre distinte e completamente diverse “solo performance” al saxofono.

Piero Bittolo Bon con il suo SPELUNKER – sax alto aumentato, feedback ed elettronica.

Edoardo Marraffa con i suoi saxofoni tenore e sopranino potentissimi, intensi e pieni di sfumature.

Luca Serrapiglio con DEMONI AFFETTUOSI ALLA DERIVA – Solo performance per voce, saxofono baritono ed effetti

Tre modi molto differenti sia di intendere la performance in solo sia di usare lo strumento, accomunati da una simile voglia di sperimentare e cercare soluzioni sempre nuove e differenti e di lavorare sulle tecniche estreme degli strumenti.

 

Ingresso ore 21:30

Ingresso riservato ai soci

per informazioni info@valdapozzo.org

 

SPELUNKER

spelunker caldanaPiero Bittolo Bon – sax alto aumentato, feedback, elettronica

Chi ha detto che per far suonare un sassofono bisogna per forza soffiarci dentro? Una performance in solo che nasce dall’urgenza di esplorare -letteralmente- l’interno dello strumento, e di estrarne inaudite possibilità timbriche che possano dare la stura ad un rinnovato linguaggio improvvisativo.

SPELUNKER è un’esperienza sonora ipnotica che non mancherà comunque di affrontare gli aspetti più “convenzionali” dello strumento, riveduti e corretti comunque alla luce delle nuove potenzialità offerte dall'”aumentazione” del sax alto concepita dallo stesso Piero Bittolo Bon e realizzata da Tommaso Rosati e Marco Politano.

SPELUNKER è un progetto che ha suscitato grande interesse nella comunità internazionale dei sassofonisti ed improvvisatori. Oltre a diversi concerti in rassegne e festival italiani, Piero Bittolo Bon ha portato questa performance in Germania e negli Stati Uniti, dove ha avuto la possibilità di suonare il suo sax alto aumentato assieme a musicisti del calibro di Steve Lehman, Lisa Mezzacappa, Gino Robair e Lukas Ligeti.

Edoardo Marraffa

EdoardoMarraffa                         sax tenore e sopranino

Dedica la sua attenzione all’improvvisazione e alla trasformazione (in acustico) del suono del suo strumento, che diventa polifonico e insieme fonte di cambiamenti timbrici continui. E’ attivo dagli anni ’90 con gruppi tra i più significativi della scena italiana come il Collettivo Bassesfere e lo Specchio Ensemble; mentre tra i suoi progetti più recenti possiamo ricordare Casino Di Terra, Mrafi, Small Talk, Eco D’Alberi, Vakki Plakkula, Crash Trio, Marraffa/Braida/Zerang. Nel corso degli ultimi anni ha collaborato con musicisti di livello mondiale come Tristan Honsinger, Paul Lovens, Thomas Lehn, William Parker, Hamid Drake, Ingebrigt Haker-Flaten, John Edwards, Olaf Rupp, Han Bennink, Clayton Thomas, Wadada Leo Smith, Wayne Horvitz, Dave Burrell. E’ stato invitato in Festivals in Europa e America tra cui: Vision Festival, Umbrella Music Festival, Mostra Sesc De Artes, Konfrontationen, Artacts, Angelica, Controindicazioni, Clusone Jazz, Konstanzer Jazzherbst, ContemporaneaMente, Sant’Anna Arresi, Taktlos, Uncool Music of he Cosmos, Crossroads, An Insolent Noise, J.E.F.F. Festival, Festival Mètèo Mulhouse, Novara Jazz.

 

DEMONI AFFEETTUOSI ALLA DERIVA

Demoni affettuosi soloSolo performance per voce e saxofono baritono di Luca Serrapiglio.

 Il canto nel e col saxofono, la respirazione circolare, l’uso estremo di materiali musicali minimali, ripetizioni e micro variazioni, il trattamento elettronico del suono. Questi gli elementi tecnici di un viaggio emotivo, un respiro primordiale tra le dimensioni del conscio e dell’inconscio.

L’ancestralità della Voce e il soffio umido del Saxofono cercano immagini sonore per affrontare un viaggio all’ascolto dei nostri demoni.